Va a mangiare da Antonio Albanese a Milano e rivela: "Questo è il conto finale: quanto ho pagato"

Quello dei ristoranti è un mondo molto affascinante, che attira a sé non solo le persone che vogliono concedersi un pranzo diverso dal solito, ma anche quelli che in questo campo intendono investire. Molta gente dello spettacolo ha intravisto proprio nel settore della ristorazione il suo “piano B”. Tra i tanti attori che hanno aperto un loro locale c’è Anche Antonio Albanese: vediamo come si mangia al suo ristorante e che tipo di scontrino ci si deve attendere a fine pasto.

Mangiare bene è importante: lo è per la salute del nostro corpo, ma lo è anche per il nostro palato. Ma si può fare qualcosa di più, attraverso la cucina sostenibile, ovvero dando maggiore spazio a quei cibi che presentano un basso impatto ambientale. Proprio queste filosofia è alla base del ristorante di Antonio Albanese, che propone una reinterpretazione della cucina lombarda e milanese, ma seguendo la linea della gastronomia sostenibile.

L’influencer a cena al ristorante di Antonio Albanese

Il ristorante di Antonio Albanese si trova all’interno di una palazzina liberty e si caratterizza per il suo stile da osteria moderna. L’eleganza ed il gusto nella scelta dell’arredamento si riscontrano anche nel menù. Lo chef Cesare Battisti può dare libero sfogo alla sua creatività, seguendo la cucina tipica della zona, ma con un occhio di riguardo per la stagionalità, la sostenibilità e gli accostamenti tra sapori apparentemente distanti.

@francescoziniyt

Mangio nel ristorante di Antonio Albanese #foodtok #fyp #yum

♬ Monkeys Spinning Monkeys - Kevin MacLeod & Kevin The Monkey

Francesco Zini su TikTok ha pubblicato tantissimi video con cui ha documentato le sue esperienze gastronomiche in Italia e all’estero presso i migliori locali. Stavolta il protagonista è proprio il ristorante di Antonio Albanese, apprezzatissimo attore che nella primavera del 2019 è entrato ufficialmente nel mondo della ristorazione con l’inaugurazione del suo locale. Scopriamo cosa ha ordinato Francesco e quanto ha pagato alla fine del pasto.

Il menù degustazione: piatti ordinati e conto finale

Il menù del ristorante, come detto, segue molto la stagionalità, quindi è in continua evoluzione,. Oltre ai grandi classici che sono sempre disponibili, alcuni piatti sono in lista solo in determinati periodi dell’anno. Francesco ha optato per un menù degustazione, quello denominato Ghe Pensi Mi. Il menù è composto da cinque portate scelte dal cliente oppure consigliate dallo staff del ristorante. La degustazione è disponibile anche con l’abbinamento del vino con tre o cinque calici.

Come primo antipasto è stato scelto il macco di fave: croccante al punto giusto all’esterno, nasconde un cuore decisamente morbido. Il secondo antipasto è il lingotto di trota affumicato: la sua caratteristica princiaple è la freschezza. Si passa così al primo, che in un locale che riprorone i classici della cucina lombarda non poteva che essere il risotto alla vecchia Milano. Viene definito super cremoso, con il sughetto dell’arrosto e lo zafferano che si sposano alla perfezione.

il-menu-degustazione-al-ristorante-di-antonio-albanese
il menù degustazione al ristorante di Antonio Albanese. Fonte: TikTok

Il secondo è un filetto di baccalà con purea e bistecca di cavolfiore. Il piatto risulta essere molto delicato, anche se si avvertono distintamente le differenze di sapore e consistenza degli ingredienti. Si arriva così ai dolci: prima arriva il sorbetto all’arancia, poi il millefoglie alle mele con gelato di arachidi, pan di Spagna e glassa al bacon. Il caldo delle mele, il freddo del gelato ed il sapore della salsa al bacon stanno benissimo insieme. Un ottimo modo per chiudere una cena che è costata 64 euro: 4 euro di coperto e 60 euro per il menù degustazione (senza vini).

Leggi anche: Va a mangiare al ristorante di Joe Bastianich: il prezzo sullo scontrino è inaspettato

Lascia un commento