Giappone, a costa stare attenti in metropolitana: "Per loro è normale"

Giappone: ecco a cosa stare attenti quando si prende la metropolitano. Per loro è normale ma per noi italiani no.

Quando si pensa al Giappone e più nello specifico al suo popolo si pensa spesso a persone che vivono senza mai fermarsi, una vita in continuo movimento, con il pensiero sempre fisso al lavoro. Ed in effetti i Giapponesi sono dei grandi lavoratori ed il loro stacanovismo è ormai noto in tutto il mondo. La loro dedizione al lavoro risiede nel fatto che nella terra del Sol Levante, il lavoro non viene visto come un obbligo o qualcosa che si deve fare, ma come una cosa piacevole, una parte integrante della loro vita sociale.

Date le tante ore di lavoro a cui si sottopongono i giapponesi viene da chiedersi: ma quando dormono? Ebbene, facendo un viaggio in Giappone ci si risponde da soli. I giapponesi infatti si ritagliano piccoli momenti di tempo durante la giornata per riposarsi, come ad esempio il viaggio in metropolitana per andare sul luogo di lavoro o tornare a casa. Durante il tragitto, infatti è facile trovare persone addormentate su altre, una situazione che è capitata anche a Marco Togni, il noto influencer di viaggio che da sempre dispensa consigli a tutti quegli italiani che vogliono andare alla scoperta del Giappone.

Prendere la metro in Giappone: attenzione alle persone che dormono

marco-togni-metro
L'abitudine di addormentarsi in metro in Giappone (Fonte: ig)

Se sei stato in Giappone e hai preso almeno una volta la metro, ti sarai sicuramente accorto di tutte quelle persone che dormono l'una sull'altra. Si tratta di una pratica molto comune che però stupisce sempre noi italiani, persino quegli italiani che vivono all'estero, come nel caso di Marco Togni, che da anni ormai vive nel noto Paese. In un suo recente video, l'influencer ha mostrato questa pratica da noi inusuale, che a volte potrebbe risultare a tratti fastidiosa. I treni sono così silenziosi che i passeggeri tendono ad addormentarsi spesso in attesa della loro fermata, appoggiando la testa sul passeggero accanto a loro.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Marco Togni (@marcotognitokyo)

Il motivo, dunque, non risiederebbe nella stanchezza dovuta alla estenuante giornata lavorativa, ma più che altro nella comodità e nel silenzio dei treni della metropolitana, che qui sono estremamente sicuri e piacevoli da prendere. Insomma, un'abitudine assai differente da quella italiana, dove in metro si tende a sentire audio e video a tutto volume, parlando a voce alta e disturbando gli altri viaggiatori. Tuttavia, avere una persona che si appoggia sulla nostra spalla per dormire potrebbe comunque risultare fastidioso. E tu cosa ne pensi? Ti avrebbe dato fastidio una situazione del genere?

LEGGI ANCHE >>>Questo bagno pubblico in Giappone è magico: cosa succede quando si gira il chiavistello

 

Lascia un commento