Calabria, il borgo del silenzio è un luogo senza tempo: puoi entrare nella grotta degli innamorati

Nascosto nel cuore dell'Aspromonte, questo borgo millenario dalla storia affascinante e ricca di segreti, è stato ufficialmente inserito tra i borghi più belli d'Italia. Antica capitale della Calabria Greca, conserva ancora oggi il suo fascino antico, fatto di case in pietra, grotte che suggellano amori eterni e panorami mozzafiato. Scopriamo insieme le bellezze nascoste di questo piccolo paese che custodisce gelosamente la cultura e i sapori autentici della Calabria.

Un borgo millenario dal fascino antico

Le origini di Bova sono si perdono nel tempo: il paese fu capitale della cultura greca in Calabria ed è oggi uno dei pochi luoghi al mondo in cui si parla ancora una forma antica di lingua greca conosciuta come grecanico, greco aspromontano o "bovese". Nel corso dei secoli, passò sotto il dominio di diverse popolazioni: romani, bizantini, arabi e normanni. Ogni dominazione ha lasciato in questo borgo il segno della sua presenza.

Tra i luoghi più suggestivi di Bova c'è la Grotta degli Innamorati, una cavità naturale dove da secoli coppie di innamorati si promettono amore eterno. Secondo la tradizione, il legame sarà benedetto dalle montagne e dallo sguardo dell'Etna che da lontano "guarda" la costa calabrese. Un luogo avvolto da un'aurea magica enfatizzata dal panorama mozzafiato. L'assenza di costruzioni permette allo guardo di perdersi tra le montagne dell'Aspromonte e di giungere sulla costa orientale della Sicilia fino a scorgere la cima maestosa del vulcano siculo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da GIUSEPPE SCUTICCHIO (@next_heaven)

L'antica locomotiva a vapore al centro del Paese

Calabria, il borgo del silenzio è un luogo senza tempo: puoi entrare nella grotta degli innamorati
L'antica Locomotiva a vapore posta al centro del Borgo. Fonte: Instagram

 

Al centro del paese è possibile ammirare un'antica e maestosa locomotiva a vapore, monumento dedicato al ricordo dei ferrovieri d'Italia e al fenomeno dello spopolamento. Come molti borghi dell'Italia meridionale, anche Bova soffre oggi più che mai di questo fenomeno sociale: nel corso del tempo la maggior parte degli abitanti ha abbandonato il paese in cerca di migliori opportunità lavorative nelle grandi città. La locomotiva rappresenta il simbolo dello spopolamento e dell'urgente necessità di invertire la rotta.

Nonostante le sfide, Bova non si arrende. L'inserimento tra i borghi più belli d'Italia è un importante passo avanti in questa direzione. Il rilancio del turismo locale e internazionale, la valorizzazione del suo patrimonio storico, della cucina e dei prodotti tipici di questa terra rappresentano per Bova il punto di inizio per un futuro migliore.

LEGGI ANCHE: Sicilia, il borgo arcobaleno nasconde dipinti unici: sui tetti ci sono comignoli più strani d'Italia

Lascia un commento